Chiesa di San Pietro – Tuscania

  • Visitare
  • Tuscania

Chiesa di San Pietro Tuscania

La Chiesa di San Pietro a Tuscania, situata sull’ omonimo colle, rappresenta il centro religioso della città. Il colle di San Pietro costituì la sede originaria dell’ abitato Etrusco del VII secolo a.C., di cui resta un tratto di mura in opera quadrata presso l’abside della chiesa di San Pietro. Intorno all’ XI secolo il colle fu racchiuso entro una cinta difensiva turrita e successivante, nel XII secolo venne costruita la chiesa di San Pietro.

Del primitivo edificio, eretto da mastri comacini giunti appositamente da Roma quando Tuscania fu donata da Carlo Magno alla Chiesa, restano la parte posteriore e settori di quella anteriore. La facciata, avanzata nel corpo centrale, presenta uno spettacolare rosone circondato da una moltitudine di elementi decorativi.

San-Pietro-Tuscania

L’interno della Chiesa di San Pietro è diviso in tre navate: quella centrale, in cui spicca un pavimento cosmatesco a decorazioni geometriche che indica gli spazi della prima costruzione, risulta separata dalle altre attraverso un basso muro in cui sono ricavati dei sedili in pietra. Nella navata di destra un ciborio risalente al XIII secolo e l’ingresso principale alla cripta. Nella navata di sinistra l’ingresso secondario alla cripta sovrastato da un nicchione affrescato e diversi sarcofagi etruschi.

Lo splendido allestimento interno si coclude nella cripta a nove navate sorrette da ventotto colonne di reimpiego, dove sono ancora visibili le murature in opera reticolata.

San Pietro come location cinematografica

Nel 1966, il regista Mario Monicelli decide di ambientare nella chiesa una scena del suo celebre film L’Armata Brancaleone, in particolare la scena in cui l’armata si reca alla reggia della famiglia di Teofilatto dei Leonzi (Gian Maria Volonté), ovvero le scene dell’incontro tra Brancaleone e la zia di Teofilatto.

Diverse altre volte la basilica è servita come scenografia naturale per la produzione cinematografica; tra gli altri si possono ricordare i film: Otello di e con Orson Welles (1952), Uccellacci e uccellini di Pier Paolo Pasolini (1966), Romeo e Giulietta di Franco Zeffirelli (1968), Nostalghia di Andrej Tarkovskij (1983).

 

Orario di visita:
Per le visite contattare l’Assuntore di custodia Sig.ra Paola Bartoccioni (tel. 347.8838069)

Costo del biglietto:
Ingresso gratuito



Aiutaci a condividere questo post: a te non costa nulla, per noi è importante!

x

Easytuscia.com

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit, sed diam nonummy nibh euismod tincidunt ut laoreet dolore magna aliquam erat volutpat.

easytuscia-chi-siamoRimani aggiornato con notizie ed eventi a Viterbo e in Tuscia